Le Magazine Accor Hotels
Seguimi …

10 consigli per conoscere Zurigo

#insiderTips 5 - Hotel Novotel Zurich City West

Con il team del Novotel Zurich-West, Billal, Claudia, Yvonne, Nico e Chris, conosciamo meglio la città di Zurigo. Edifici affascinanti, un’ubicazione idilliaca in riva al lago e una vita culturale ricca e varia rendono questa piccola metropoli di appena 400.000 abitanti una meta imprescindibile dei viaggi di piacere e di lavoro. Il nostro team ci ha dato alcuni buoni suggerimenti.

#insiderTips 5 - Partite alla scoperta di Zurigo con il personale dell'hotel Novotel Zurich City West - Hotel Novotel Zurich City West

Quale tesoro racchiude la città?
Quando si pensa a Zurigo e ai suoi tesori, viene subito in mente la chiesa Frauenmünster, simbolo della città. Questa meraviglia architettonica è impressionante a causa della sua età e, naturalmente, delle dimensioni imponenti. Ma il vero tesoro si nasconde proprio all’interno: le vetrate di Marc Chagall e Augusto Giacometti. Una visita d’obbligo per gli amanti della cultura. Ma non è necessario essere intenditori per esserne conquistati.
Quale monumento o palazzo della città vi colpisce particolarmente?
La hall d’ingresso Augusto Giacometti dalla stazione di polizia, nota come “hall aux fleurs”, perché abbonda di motivi floreali. Quando l’orfanotrofio fu trasformato in stazione di polizia, le volte della cantina sono diventate la hall d’ingresso. La mancanza di luce costituiva una grande difficoltà per gli architetti, un sfida che la padronanza artistica permise di cogliere. Ma inutile violare la legge per contemplare questo spettacolo: esistono orari ufficiali di apertura.
Chi sono i VIP locali?
Questa metropoli è stata a lungo abitata da celebrità, come Albert Einstein, che insegnò all’ETH di Zurigo, e Lenin che visse in esilio nel quartiere di Niederdörfli. Ancora oggi, Zurigo attrae personalità come Tina Turner e Nick Heidfeld, che l’hanno eletta patria d’elezione.

Qual è l’evento da non perdere?

Alcuni eventi, come la “Fashion Night”, il festival del cinema e la “Street Parade” sono da vedere ogni anno. Ma il Züri Fäscht, la più grande festa popolare della Svizzera, che si svolge ogni tre anni, rimane un’istituzione. Bisogna assistervi almeno una volta! Anche gli appassionati di sport troveranno ciò che fa per loro: d’estate, lo stadio del Letzigrund ospita il “Weltklasse Zürich”, un incontro di atletica ai massimi livelli. Il museo del Calcio mondiale della FIFA, aperto nel 2016, offre inoltre a tutti i tifosi di calcio un panorama appassionante della storia internazionale del pallone.

Quale souvenir bisogna assolutamente portare a casa?

 Le tante dolcezze della Pasticceria Sprüngli, nota in tutto il mondo, ma anche i “Tirggel”. Fino al 1840 soltanto i panettieri della città erano autorizzati a confezionare questo dolce tradizionale. È il souvenir ideale da mettere in valigia, non solo perché questi dolci sono squisiti e si conservano a lungo, ma anche perché i motivi zurighesi che li ornano sono un vero piacere per la vista.

Dove si trova la vostra golosità (dolce o salata) preferita?

Al Caffè Schurter nel quartiere di Niederdorf, nel cuore della città vecchia. Dal 1869 vi si preparano con cura e amore le specialità zurighesi, in particolare gli “Offleten”, i “Geduldszältli”, gli “Hüppen” e gli “Zürcher Leckerli”. Tutta questa pasticceria è così deliziosa che è meglio non dover scegliere, ma assaggiare tutto. Capirete così perché questi dolci appartengono al patrimonio gastronomico svizzero.

Quali altre specialità rendono famosa la vostra città?

La scaloppina di vitello alla zurighese (Zürcher Geschnetzeltes) è forse, come indica il nome, il piatto più famoso della città. Ma c’è ben altro ancora: il “Zürcher Ratsherrentopf” (uno stufato di carne e legumi) è una delizia, come il “Mischtchratzerli” (pollo e verdure saltate) e, naturalmente, la fonduta ai formaggi, la mia specialità preferita. Da assaggiare assolutamente, soprattutto quando fa freddo.


Qual è la cosa più incredibile che avete visto in questa città?
In Svizzera c’è una grande cultura dei fuochi d’artificio. Che sia per Capodanno o per il Züri Fäscht, ogni anno il lavoro di pirotecnica è notevole. Tutti gli anni, poco dopo la mezzanotte, la “magia di San Silvestro” offerta dagli albergatori della città si offre a migliaia di spettatori: palme, foglie e una pioggia di scintille compongono uno spettacolo incredibile, come si può vedere in città come Londra, New York e Sydney.
Quali lingue si parlano a Zurigo e quali parole occorre imparare?
La lingua ufficiale è lo svizzero tedesco. Tuttavia, nella città più grande del paese, ci si fa anche capire in inglese e francese. Il dialetto della città e del cantone e lo Züriduetsch (tedesco zurighese), con piccole sfumature da una regione all’altra. Quando si va a fare la spesa si dice: “i ga poschte”. Ascoltare si dice “Lose” e la parola “Stutz” ha anch’essa la sua importanza, perché significa “denaro” o franchi.

Ti è piaciuto? Condividilo!

Vuoi saperne di più?

Continua l'avventura

LE NOSTRE GUIDE DI VIAGGIO I NOSTRI HOTEL A ZURIGO

Casuale

Più idee di viaggio