Le Magazine Accor Hotels
Seguimi …

I nostri consigli per visitare Zurigo

#insiderTips 14 - Sales Team AccorHotels Switzerland

Zurigo è la città più grande della Svizzera, il che non le fa perdere, però, né fascino, né freschezza. Una programmazione culturale molto varia, diversi palazzi storici e una vista panoramica unica sulle Alpi attirano ogni anno tanti turisti. Il nostro team commerciale AccorHotels Switzerland ci indica che cosa si può fare in città e le cose da sapere per sentirsi proprio a casa. Ecco le risposte di Oksana, Maylis, Sara, Elena, Gregorio e Hans-Rudolf.

#insiderTips 14 - Partite alla scoperta di Zurigo-


Quale tesoro racchiude la città?
Il più grande tesoro della Svizzera, 1.000 tonnellate d’oro, da cercare invano alla Banca nazionale svizzera, nella Bahnhofstrasse. In realtà, questo oro si trova in un luogo segreto. Ma gli altri tesori sono tanti. La Ruhmeshalle del Museo nazionale di Zurigo consente di scoprire tutti i tesori della storia svizzera, raccolti nella “ruota dei miti”: ma non ditelo in giro!

Quale monumento o palazzo della città vi colpisce particolarmente?
La Wasserkirche, che si trova sulle rive della Limmat, nelle vicinanze della fermata del tram Helmhaus. Questa chiesa e il Helmhaus (il vecchio mercato coperto) rappresentano grandemente la storia di Zurigo. Le leggende narrano che i santi patroni della città, Felice e Regula, siano morti come martiri nella Wasserkirche. Dopo aver visitato questa chiesa e saputo la sorte dei due santi, è impossibile passare davanti a questo edificio storico di notte senza avere la pelle d’oca e sentire bisogno di qualcosa di forte: una buona schnaps, da bere al ristorante Oepfelchammer, nel quartiere di Niederdorf. 
Chi sono i VIP di Zurigo?
Iurij Podladčikov vive a Zurigo. Nel 2014 ha vinto le Olimpiadi in snowboard freestyle, è anche fotografo professionista e le sue opere gli hanno già valso la fama in tutta la Svizzera.

Qual è l’evento da non perdere?
Zurigo celebra varie feste. La Street Parade, che si svolge in agosto, vede sfilare lungo il lago personaggi di tutti i colori, a ritmo di techno; invece, c’è la “Sächsilüüte”, la festa tradizionale della primavera: ogni anno, a metà aprile, le 26 corporazioni zurighesi sfilano nella città vecchia e nella Bahnhofstrasse, indossando i costumi storici. Il momento forte della giornata è l’incendio del Böögg, una specie di spaventapasseri a forma di pupazzo di neve: accompagnato da fuochi d’artificio, viene bruciato su un rogo. La regola è così: più in fretta brucia il Böögg, più bella sarà l’estate.
Quale souvenir bisogna assolutamente portare a casa?
I Züritirggel: piccoli dolci deliziosi che somigliano a opere d’arte e si conservano benissimo. Miele, farina, zucchero e acqua: ecco gli ingredienti del “Tirggel”, schiacciato in una pasta finissima su una tavoletta di legno con graziosi motivi incisi. Si tratta per lo più di scene della vita zurighese. Questa pasticceria è un originale souvenir.
Dove si può assaporare un po’ di storia locale facendo colazione?
Nel leggendario caffè Odeon am Bellevue: si può fare colazione in buona compagnia, in un certo senso. Dall’apertura di questo caffè in Art Nouveau nel 1911, vi si sono succeduti molti personaggi famosi: lo hanno frequentato, tra gli altri, Stefan Zweig, James Joyce, Benito Mussolini, Lenin e Trotsky.
Quali specialità rendono famosa la vostra città?
Quando si visita Zurigo, bisogna assolutamente assaggiare le scaloppine di vitello alla zurighese (Züri Geschnetzeltes), preparate con una salsa alla panna e servite tradizionalmente con i rösti. Questo piatto è talvolta accompagnato da champignon. Ogni albergo lo declina a modo suo, quindi non è semplice trovare il migliore Züri Geschnetzeltes!

Qual è la cosa più incredibile che avete visto in questa città?
La cosa più incredibile a Zurigo, sono le sue molteplici sfaccettature. Anche dopo anni, gli zurighesi scoprono sempre qualcosa vicino a casa. Un percorso di piste come il Foxtrail permette di vedere e imparare molto: affreschi murali o sculture davanti a cui prima si passava con fare distratto, sono improvvisamente messi in primo piano e trasformano la città in un libro illustrato che lascia impressioni vivaci e variopinte.
Quali lingue si parlano a Zurigo e quali parole occorre conoscere?
A Zurigo il tedesco è la lingua ufficiale. Ma non è assolutamente il tedesco standard, senza accento: il tedesco zurighese, o Züridüütsch, è il dialetto alemanno più parlato in Svizzera. Ma come in tutte le grandi metropoli, si può anche comunicare in inglese, e nelle strade si sentono parlare tante altre lingue internazionali. Per sapere come parlano tra loro gli zurighesi, l’ideale è assistere a una partita di hockey su ghiaccio o di calcio in città. Molto istruttivo!

Ti è piaciuto? Condividilo!

Vuoi saperne di più?

Continua l'avventura

LE NOSTRE GUIDE DI VIAGGIO I NOSTRI HOTEL A ZURIGO

Casuale

Più idee di viaggio